American Heart Association
Associazione Silvia Procopio
ACC Meeting

Classificazione e impatto clinico della ristenosi dopo stenting femoro-popliteo


Lo scopo di questo studio è stato quello di indagare il rapporto tra modelli angiografici della ristenosi in-stent ( ISR ) dopo stent nel distretto femoro-popliteo e la frequenza di ISR refrattaria.

La ristenosi in-stent dopo impianto di stent nel distretto femoro-popliteo è un problema irrisolto.
L'incidenza e i predittori di ristenosi refrattaria rimangono non ben definiti.

Lo studio multicentrico osservazionale retrospettivo, eseguito nel periodo 2000-2009, ha preso in esame 133 lesioni di ristenosi, dopo stenting dell'arteria femoro-poplitea, classificate per modello angiografico: la classe I ha incluso lesioni focali ( 50 mm o meno di lunghezza), la classe II ha compreso lesioni diffuse ( più di 50 mm di lunghezza ) e la classe III ha incluso ristenosi in-stent totalmente occlusa.

Tutti i pazienti sono stati trattati con angioplastica con palloncino per almeno 60 secondi.

La ristenosi in-stent ricorrente o la occlusione è stata definita come ISR o occlusione dopo rivascolarizzazione della lesione target.
La ristenosi è stata definita come maggiore di 2.4 del rapporto di velocità di picco sistolico alla scansione duplex o stenosi maggiore del 50% all’angiografia.

Il 64% dei pazienti era di sesso maschile, il 67% aveva diabete mellito e il 24% era stato sottoposto a emodialisi.

Il pattern di classe I è stato trovato nel 29% degli arti, di classe II nel 38%, e di classe III nel 33%.

Il periodo osservazionale medio è stato di 24 mesi.

La morte per tutte le cause si è verificata in 14 pazienti; l’intervento di bypass è stato eseguito in 11 arti e un’amputazione maggiore è stata eseguita in 1 arto durante il follow-up.

Le curve di sopravvivenza di Kaplan-Meier hanno mostrato che il tasso di ristenosi in-stent recidivante a 2 anni è stato dell’84.8% nei pazienti di classe III rispetto al 49.9% nei pazienti di classe I ( p minore di 0.0001 ) e del 53.3% nei pazienti di classe II ( p=0.0003 ), e il tasso di occlusione recidivante a 2 anni è stato del 64.6% nei pazienti di classe III rispetto al 15.9% nei pazienti di classe I ( p minore di 0.0001 ) e al 18.9% nei pazienti di classe II ( p minore di 0.0001 ).

In conclusione, i modelli di ristenosi dopo stenting femoro-popliteo sono importanti predittori di recidiva di ristenosi in-stent e occlusione. ( Xagena2012 )

Tosaka A et al, J Am Coll Cardiol 2012; 59: 16-23


Cardio2012



Indietro