52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Ticagrelor rispetto a Clopidogrel nei pazienti con precedente rivascolarizzazione degli arti inferiori per arteriopatia periferica


Nei pazienti con malattia arteriosa periferica sintomatica con una storia di rivascolarizzazione degli arti, non è noto il regime antitrombotico ottimale per la gestione a lungo termine.

Lo studio EUCLID ( Examining Use of Ticagrelor In PAD ) ha randomizzato 13.885 pazienti con malattia delle arterie periferiche al trattamento con Ticagrelor ( Brilique ) 90 mg due volte al giorno o Clopidogrel ( Plavix ) 75 mg al giorno.
I pazienti sono stati arruolati in base a un indice caviglia-brachiale anormale inferiore o uguale a 0.80 o a una precedente rivascolarizzazione della estremità inferiore.

È stata effettuata una analisi su 7.875 pazienti ( 57% ) arruolati in base al criterio di precedente rivascolarizzazione dell’estremità inferiore.
I pazienti non potevano essere arruolati entro 30 giorni dalla più recente rivascolarizzazione, e sono stati esclusi i pazienti con una indicazione per doppia terapia antiaggregante.

L'endpoint primario di efficacia era un composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus ischemico. 
L'endpoint primario di sicurezza era il sanguinamento maggiore.

I pazienti con una rivascolarizzazione precedente avevano un'età media di 66 anni, il 73% era di sesso maschile, e l'indice caviglia-bracchiale basale mediano era 0.78.

Dopo aggiustamento per caratteristiche basali, i pazienti arruolati in base a precedente rivascolarizzazione avevano tassi simili di endpoint composito primario ( hazard ratio, HR=1.10, P=0.12 ) e tassi statisticamente significativi più elevati di infarto miocardico ( HR=1.29, P=0.005 ) e ischemia acuta dell'arto ( HR=4.23, P minore di 0.001 ), rispetto ai pazienti arruolati in base al criterio indice caviglia-braccio.

Non sono state trovate differenze nei pazienti trattati con Ticagrelor rispetto a Clopidogrel per l'endpoint primario di efficacia ( 11.4% vs 11.3%; HR=1.01; P=0.90 ), mortalità per tutte le cause ( 9.2% vs 9.2%; HR=0.99; P=0.93 ), ischemia acuta dell'arto ( 2.5% vs 2.5%; HR=1.03; P=0.84 ), o sanguinamento maggiore ( 1.9% vs 1.8%; HR=1.15; P=0.41 ).

La durata mediana del follow-up è stata circa di 30 mesi.

In conclusione, dopo aggiustamento per le caratteristiche basali, i pazienti arruolati in base a precedente rivascolarizzazione per arteriopatia periferica avevano tassi più elevati di infarto miocardico e di ischemia acuta dell'arto, con simili tassi compositi di morte cardiovascolare, infarto del miocardio e ictus rispetto ai pazienti arruolati in base all’indice caviglia-braccio. 
Non sono state riscontrate differenze significative tra Ticagrelor e Clopidogrel per la riduzione di eventi cardiovascolari o acuti degli arti. ( Xagena2017 )

Schuyler Jones W et al, Circulation 2017; 135: 241-250

Cardio2017 Farma2017


Indietro