52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Esiti a lungo termine e fattori prognostici delle complicanze nella arterite di Takayasu


A causa dell'ampia variazione nel decorso dell'arterite di Takayasu, prevedere l’esito è difficile.
Sono stati valutati i risultati a lungo termine e i fattori prognosi per le complicanze vascolari nei pazienti con arterite di Takayasu.

È stato analizzato uno studio multicentrico retrospettivo di caratteristiche ed esiti di 318 pazienti con arterite di Takayasu che soddisfacevano i criteri dell'American College of Rheumatology e Ishikawa.
Sono stati valutati i fattori associati alla sopravvivenza libera da eventi, sopravvivenza libera da recidiva, e incidenza delle complicanze vascolari.

L'età media alla diagnosi di arterite di Takayasu era di 36 anni e 276 pazienti ( 86.8% ) erano donne.
Dopo un follow-up mediano di 6.1 anni, recidive sono state osservate nel 43% dei pazienti, complicanze vascolari nel 38% e morte nel 5%.
Il decorso clinico progressivo è stato osservato nel 45%, carotidodinia nel 10% e retinopatia nel 4%.

La sopravvivenza libera da eventi a 5 e 10 anni, la sopravvivenza libera da recidiva e la sopravvivenza libera da complicazioni sono state, rispettivamente, del 48.2% e del 36.4%, 58.6% e 47.7% e 69.9% e 53.7%.

Il decorso progressivo della malattia ( P=0.018 ) e la carotidinia ( P=0.036 ) sono stati indipendentemente associati alla sopravvivenza libera da eventi.
Sesso maschile ( P=0.048 ), proteina C-reattiva elevata ( P=0.013 ) e carotidinia ( P=0.003 ) sono stati associati alla sopravvivenza libera da recidive.

Il decorso progressivo della malattia ( P=0.017 ), il coinvolgimento dell'aorta toracica ( P=0.009 ) e la retinopatia ( P=0.002 ) sono stati associati a sopravvivenza libera da complicazioni.

In conclusione, questo studio a livello nazionale ha dimostrato che il 50% dei pazienti con arterite di Takayasu avranno recidive e una complicanza vascolare a 10 anni o meno dalla diagnosi.
Sono state identificate caratteristiche specifiche che identificano i soggetti a più alto rischio per le successive complicanze vascolari. ( Xagena2017 )

Comarmond C et al, Circulation 2017; 136: 1114-1122

Cardio2017 Angio2017 Reuma2017



Indietro