Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Elevati livelli di cistatina C predicono successivi eventi di arteriopatia periferica


L’associazione tra cistatina C, un nuovo marker della funzione renale, ed il rischio di sviluppare complicanze correlate alla malattia arteriosa periferica non è stata esaminata.

Uno studio coordinato da Ricercatori dei Veterans Affairs Medical Center di San Francisco ha valutato l’ipotesi che un’alta concentrazione di cistatina C fosse indipendentemente associata a futuri eventi di arteriopatia periferica.

I livelli plasmatici di cistatina C erano stati misurati in 4.025 partecipanti al Cardiovascular Health Study durante il periodo 1992-1993, che non presentavano al basale malattia arteriosa periferica.

Il rischio annualizzato di essere sottoposti ad una procedura per l’arteriopatia periferica è stato dello 0.43% per anno tra i partecipanti con i più alti livelli di cistatina C ( > 1.27mg/l ), rispetto allo 0.21% per anno o meno in altri quintili.

Dopo aggiustamento per i fattori di rischio noti per l’arteriopatia periferica, gli elevati livelli di cistatina C sono rimasti associati all’outcome ( hazard ratio, HR = 2.5 per il più alto quintile ).

Dallo studio è emerso che le elevate concentrazioni di cistatina C erano predittive, in modo indipendente, di eventi di malattia arteriosa periferica. ( Xagena2005 )

O’Hare AM et al, Arch Intern Med 2005; 165: 2666-2670


Cardio2005


Indietro