Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Compressione pneumatica intermittente degli arti inferiori per prevenire il tromboembolismo venoso in pazienti ospedalizzati


La tromboprofilassi ottimale per i pazienti a rischio di sanguinamento rimane incerta.
Una meta-analisi ha valutato se la compressione pneumatica intermittente degli arti inferiori fosse efficace nel ridurre il tromboembolismo venoso e se la combinazione di tromboprofilassi farmacologica con compressione pneumatica intermittente possa migliorarne l’efficacia.

Sono stati esaminati gli studi di confronto tra compressione pneumatica intermittente e tromboprofilassi farmacologica, calze per la prevenzione tromboembolica, nessuna profilassi, e una combinazione di compressione pneumatica intermittente e tromboprofilassi farmacologica.
Sono stati esclusi studi che hanno utilizzato la compressione pneumatica intermittente per meno di 24 ore o hanno confrontato diversi tipi di compressione pneumatica intermittente.

In totale, 16.164 pazienti ospedalizzati provenienti da 70 studi hanno incontrato i criteri di inclusione e sono stati sottoposti a meta-analisi.

La compressione pneumatica intermittente è risultata più efficace di nessuna profilassi con compressione pneumatica intermittente nel ridurre la trombosi venosa profonda ( 7.3% vs 16.7%; riduzione del rischio assoluto, 9.4%; rischio relativo, RR=0.43; P minore di 0.01; I2=34% ) e l’embolia polmonare ( 1.2% vs 2.8%; riduzione del rischio assoluto, 1.6%; RR=0.48; P minore di 0.01; I2=0% ).

La compressione pneumatica intermittente è stata più efficace anche delle calze per la prevenzione tromboembolica nel ridurre la trombosi venosa profonda ed è sembrata essere efficace quanto la tromboprofilassi farmacologica, ma con un ridotto rischio di sanguinamento ( RR=0.41; P minore di 0.01; I2=0% ).
L’aggiunta della tromboprofilassi farmacologica alla compressione pneumatica intermittente ha ulteriormente ridotto il rischio di trombosi venosa profonda ( RR=0.54; P=0.02; I2=0% ) rispetto alla sola compressione pneumatica intermittente.

In conclusione, la compressione pneumatica intermittente è efficace nel ridurre il tromboembolismo venoso e la combinazione di tromboprofilassi farmacologica con la compressione pneumatica intermittente è stata più efficace rispetto all'utilizzo della sola compressione pneumatica intermittente. ( Xagena2013 )

Ho KM et al, Circulation 2013; 128: 1003-1020

Cardio2013 Emo2013



Indietro