Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Cilostazolo aiuta a promuovere la guarigione delle ferite nei pazienti con insufficienza arteriosa


Il vasodilatatore Cilostazolo ( Pletal ), un inibitore della fosfodiesterasi-3, è stato approvato negli Stati Uniti per il trattamento della claudicazione intermittente ( claudicatio intermittens ).
Uno studio ha valutato l’efficacia del Cilostazolo come coadiuvante nel trattamento delle ulcere arteriose.

Sono state visionate le cartelle cliniche dei pazienti trattati con Cilostazolo nel periodo 2000-2010 presso un Centro.

Dei 561 pazienti trattati con Cilostazolo, i ricercatori hanno identificato 82 pazienti ( 101 arti ) che hanno iniziato la terapia solo dopo il manifestarsi delle ferite e i dati erano sufficienti per valutare la guarigione.

Solo se tutte le ferite di un arto erano completamente guarite senza necessità di ricostruzione arteriosa, amputazione, chiusura primaria, o innesto di pelle, l'arto veniva considerato guarito con l’ausilio del Cilostazolo.
In presenza di lesioni bilaterali, la guarigione doveva interessare entrambi gli arti.

Sono stati considerati fallimenti i soggetti che sono andati persi nel corso del follow-up, sono morti, o sono stati sottoposti a interventi chirurgici diversi dal debridement ( rimozione del tessuto danneggiato ).

Complessivamente 30 degli 82 pazienti ( 36.6% ) e 41 di 101 arti ( 40.6% ) sono stati considerati guariti senza intervento chirurgico o rivascolarizzazione ( in aperto o endovascolare ).
Quando sono stati considerati 9 arti guariti dopo innesti cutanei ( n = 2 ) o amputazioni con risparmio del piede ( n = 7 ), ma senza rivascolarizzazione, il tasso complessivo di salvataggio delle estremità inferiori dell'arto è stato pari a 50.5%.

Le caratteristiche demografiche erano simili nei due gruppi, con l’eccezione che i pazienti guariti tendevano a essere più alti e ad avere un peso corporeo maggiore, ma con indice di massa corporea ( BMI ) simile.
L'incidenza del diabete era più alta negli arti non-guariti ( 73.3% vs 50.0%, p = 0.0587 ).
La cancrena era meno comune nei pazienti guariti ( 22.6% vs 49.1%, p = 0.059 ) e negli arti guariti ( 22.0% vs 48.3%, p = 0.027 ).

La maggior parte dei soggetti ha assunto 200 mg di Cilostazolo al giorno ( paziente guarito: 177 ± 53 mg vs paziente non-guarito: 172 ± 47 mg ).

La durata della terapia media nei pazienti guariti è stata di 278 ± 302 giorni rispetto a 108 ± 129 giorni nei soggetti non-guariti prima della interruzione della terapia farmacologica o dell’intervento chirurgico, decesso, o perdita nel corso del follow-up.

In conclusione, il tasso di guarigione dell’arto osservato con Cilostazolo si è confrontato in modo favorevole rispetto al tasso di circa il 20% riscontrato nei soggetti trattati con placebo in studi multicentrici con un altro vasodilatatore, Iloprost.
Sebbene la cancrena e il diabete mellito siano correlati a più bassi tassi di guarigione, i dati suggeriscono che il Cilostazolo aiuta a promuovere la guarigione delle ferite in presenza di insufficienza arteriosa. ( Xagena2014 )

Resnick KA, Gordon IL, Ann Vasc Surg 2014; 28: 1513-1521

Cardio2014 Farma2014


Indietro