Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Associazione tra infezione da virus dell'immunodeficienza umana e rischio di malattia delle arterie periferiche


L'effetto del virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ) sullo sviluppo della malattia delle arterie periferiche ( PAD ) non è ben definito.
Si è studiato se l'infezione da HIV sia associata a un aumentato rischio di arteriopatia periferica dopo aggiustamento per i tradizionali fattori di rischio aterosclerotici in una vasta coorte di veterani infetti da HIV ( HIV+ ) e demograficamente simili ai non-infettati da virus HIV.

Sono stati studiati i partecipanti allo studio VACS ( Veterans Aging Cohort Study ) dal 2003 al 2014.
Sono stati esclusi i partecipanti con arteriopatia periferica o patologia cardiovascolare prevalente, nota ( infarto miocardico, ictus, cardiopatia ischemica e insufficienza cardiaca congestizia ) ed è stato analizzato l'effetto dello stato di infezione da HIV sul rischio di eventi di arteriopatia periferica incidenti dopo aggiustamento per dati demografici, fattori di rischio di malattia delle arterie periferiche, uso di sostanze, conta delle cellule CD4, acido ribonucleico di HIV-1 e terapia antiretrovirale.

L'esito primario era rappresentato da eventi di malattia delle arterie periferiche. Gli esiti secondari includevano mortalità e amputazione in soggetti con eventi di arteriopatia periferica incidenti in base a stato di infezione da HIV, carica virale e conta di CD4.

Tra i 91.953 partecipanti, su un follow-up mediano di 9.0 anni, ci sono stati 7.708 eventi di malattia delle arterie periferiche incidenti.

I tassi di eventi di arteriopatia periferica incidenti per 1.000 anni-persona erano più alti tra i veterani HIV+ ( 11.9 ) rispetto ai veterani non-infettati ( 9.9 ).

Dopo aggiustamento per i dati demografici, fattori di rischio di arteriopatia periferica e altre covariate, i veterani HIV+ hanno mostrato un aumentato rischio di eventi di arteriopatia periferica incidenti rispetto ai veterani non-infetti ( hazard ratio, HR=1.19 ).

Questo rischio era più alto tra quelli con carica virale di HIV aggiornata nel tempo superiore a 500 copie/ml ( HR=1.51 ) e conta delle cellule CD4 inferiore a 200 cellule/mm3 ( HR=1.91 ).

Per contro, i veterani HIV+ con numero di cellule CD4 aggiornato nel tempo superiore o uguale a 500 cellule/mm3 non hanno mostrato un aumentato rischio di arteriopatia periferica ( HR=1.03 ).

I tassi di mortalità dopo eventi incidenti di arteriopatia periferica sono elevati indipendentemente dallo stato di HIV.

L'infezione da HIV non ha influenzato i tassi di amputazione dopo eventi incidenti di arteriopatia periferica.

In conclusione, l'infezione da HIV è associata a un aumento del 19% del rischio di arteriopatia periferica oltre a quello spiegato dai tradizionali fattori di rischio aterosclerotici.
Tuttavia, per i pazienti con conta di cellule CD4 sostenuta inferiore a 200 cellule/mm3, il rischio di eventi incidenti di malattia delle arterie periferiche è risultato quasi 2 volte più elevato mentre per i pazienti con conta di cellule CD4 sostenuta superiore o uguale a 500 cellule/mm3 non vi è stato un eccesso di rischio di eventi di arteriopatia periferica incidente rispetto alle persone senza infezione. ( Xagena2018 )

Beckman JA et al, Circulation 2018; 138: 255-265

Cardio2018 Inf2018



Indietro