52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Associazione tra dose di statine con amputazione e sopravvivenza nei pazienti con malattia delle arterie periferiche


Le linee guida sulla dose di statine per i pazienti con malattia delle arterie periferiche ( PAD ) sono in gran parte basate sulla malattia coronarica e sui dati dell'ictus.
Si è determinato l'effetto dell'intensità delle statine sugli esiti della arteriopatia periferica, amputazione e mortalità.

Usando un disegno di studio di coorte osservativo sono stati identificati pazienti con arteriopatia periferica incidente ( 2003-2014 ) nei dati Veterans Affairs.
L'esposizione a una intensità di statine più elevata ( terapia ad alta intensità rispetto a terapia a bassa o moderata intensità rispetto a terapia antipiastrinica ma senza uso di statine) è stata determinata entro 1 anno dalla diagnosi di malattia arteriosa periferica.

Gli esiti di interesse erano le amputazioni degli arti inferiori e la morte e la loro associazione con l'intensità delle statine.

In 155.647 pazienti con arteriopatia periferica incidente, più di un quarto ( 28% ) non era in cura con statine.

L'uso di statine ad alta intensità è risultato più basso nei pazienti con solo arteriopatia periferica ( 6.4% ) rispetto alla malattia coronarica / carotidea in comorbilità (1 8.4% ).

L'amputazione e il rischio di mortalità incidenti sono diminuiti significativamente con l'uso di statine rispetto al gruppo con la sola terapia antiaggregante.

Gli utilizzatori di statine ad alta intensità sono stati associati a rischi di amputazione e mortalità più bassi rispetto agli utilizzatori della sola terapia antipiastrinica ( hazard ratio,HR= 0.67 e HR=0.74, rispettivamente ).

Le statine di intensità da bassa a moderata hanno anche provocato una significativa riduzione del rischio di amputazione e mortalità ( hazard ratio di amputazione, HR=0.81; hazard ratio di morte, HR=0.83; P minore di 0.001 ).

L'associazione tra statine ad alta intensità e rischio più basso di amputazioni e morte è rimasta significativa e robusta nelle analisi abbinate per punteggio di propensione, di sensibilità e di sottogruppi.

In conclusione, le statine, in particolare le formulazioni ad alta intensità, sono sottoutilizzate nei pazienti con arteriopatia periferica.
Questo è il primo studio basato sulla popolazione a dimostrare che l'uso di statine ad alta intensità al momento della diagnosi di malattia arteriosa periferica è associato a una significativa riduzione della perdita degli arti e della mortalità rispetto agli utilizzatori di statine a bassa intensità e ai pazienti trattati solo con farmaci antipiastrinici ma non con statine. ( Xagena2018 )

Arya S et al, Circulation 2018; 137: 1435-1446

Cardio2018 Farma2018


Indietro