CardioPreventariab.it
ACC Meeting
American Heart Association

Ricercatori della Mayo Clinic hanno descritto gli esiti dei pazienti sottoposti ad angioplastica, di età superiore ai 40 anni con ipertensione refrattaria / labile / sintomatica.Lo studio ha ri ...


La malattia arteriosa periferica e l’osteoporosi sono malattie croniche la cui prevalenza aumenta con l’età e con alcune malattie metaboliche.L’associazione tra malattia arter ...


Le arteriopatie, che includono un’arteriopatia cerebrale focale idiopatica dell’infanzia, sono comuni nei bambini con ictus ischemico e sono fortemente predittive di ricorrenza.Per meglio ...


L’apatia è definita come un’importante perdita di motivazione in tutti i domini delle funzioni quotidiane. Soprattutto in età avanzata, l’apatia potrebbe essere una sin ...


L’aneurisma venoso può essere classificato in superficiale o profondo, secondario o primario.Uno studio retrospettivo di 120 casi di dilatazione venosa ha permesso di identificare 4 pazie ...


Uno studio, condotto da Ricercatori dell’Ospedale San Giovanni Battista -Molinette di Torino, ha preso in esame la relazione tra i livelli della proteina C-reattiva ad alta sensibilit& ...


I tradizionali fattori di rischio aterosclerotici predicono la malattia cardiovascolare nel lungo periodo, ma sono scarsi predittori di eventi a breve termine.Uno studio ha esaminato se gli elevati li ...


La terapia con Estrogeni per os aumenta il rischio di tromboembolia venosa nelle donne in postmenopausa. L’Estrogeno somministrato per via transdermica sembra essere più sicuro. Ci sono, invece, pochi ...


Ricercatori dell’Erasmus Medical Center di Rottedam in Olanda hanno valutato l’effetto dei farmaci cardiovascolari sulla mortalità nel lungo periodo nei pazienti con malattia arteri ...


Uno studio, compiuto presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, ha valutato se l’impiego delle statine fosse associato ad un minor declino nel funzionamento degli ...


L’associazione tra cistatina C, un nuovo marker della funzione renale, ed il rischio di sviluppare complicanze correlate alla malattia arteriosa periferica non è stata esaminata. Uno stud ...


I pazienti con tromboembolismo venoso sono soggetti a recidiva. Tuttavia, resta motivo di controversia se i pazienti con tromboembolismo venoso richiedano una terapia anticoagulante prolungata.E&rsquo ...


L’impiego delle statine nel trattamento precoce degli eventi coronarici acuti non è ben definito. Uno studio, coordinato da Ricercatori del Dipartimento di Medicina Cardiovascolare del S ...


Ricercatori della Clinica Medica Generale e Cardiologia dell’Università di Firenze hanno valutato l’effetto di elevati livelli di lipoproteina (a) sul tromboembolismo venoso. E&r ...


Lo scopo dello studio è stato quello di esaminare la relazione tra rischio di tromboembolismo venoso recidivante ed il livelli di D-dimero, un marker di attivazione della coagulazione e della ...